Mezzo mondo miope nel 2050

La metà della popolazione mondiale (circa 5 miliardi) sarà miope entro il 2050, con un quinto di loro (1 miliardo) ad un rischio significativamente aumentato di cecità se le tendenze attuali continuano. Lo sostiene uno studio pubblicato sulla rivista Ophthalmology nel maggio del 2016.

La rivista Ophtalmology è la rivista ufficiale dell’American Academy of Ophthalmology, la più grande associazione di oculisti al mondo, e ha l’obiettivo di pubblicare studi clinici e di ricerca che riguardano il senso della vista.

Cosa dice la pubblicazione?

  • 5 miliardi di individui saranno miopi entro il 2050.
  • Uno su dieci è a rischio di cecità.
  • La miopia sta per diventare una delle principali cause di cecità permanente in tutto il mondo.
  • Si consiglia ai genitori di fare controllare regolarmente gli occhi dei bambini, aumentare il tempo all’aperto e moderare il tempo delle attività da vicino, dispositivi elettronici inclusi!
     

Lo studio è disponibile nella sua versione integrale qui.

Le attività da vicino stanno incrementando l’incidenza della miopia nelle ultime generazioni.

Cos’è la miopia?

La miopia fa sì che le persone abbiano difficoltà a vedere chiaramente gli oggetti distanti. Si stima che attualmente ci siano 2 miliardi di miopi al mondo, una cifra in rapida crescita.

La miopia assiale è causata dal bulbo oculare troppo lungo. Ciò significa che invece di concentrarsi sul retro dell’occhio (la retina, parte percettiva dell’occhio), la luce si concentra di fronte ad essa, causando una visione offuscata. Questo vizio refrattivo può essere corretto con occhiali, lenti a contatto, chirurgia refrattiva o lenti a contatto notturne (ortocheratologia).

La miopia di solito inizia in età scolare (dopo i sei anni) e può peggiorare fino ai primi anni dell’età adulta, ma può anche presentarsi negli adulti (dai 20 ai 40 anni) senza precedenti problemi nell’infanzia. Si può anche nascere con alti livelli di miopia (miopia congenita).

Quanto è diffusa?

La miopia colpisce circa 1 persona su 4 in Australia, 1 su 3 in Europa e America e 1 su 2 in alcuni paesi asiatici. Nel 2010, ha colpito più di un quarto della popolazione mondiale.

L’incidenza della miopia è aumentata rapidamente in tutto il mondo. Entro il 2020, si stima che il numero di persone con miopia crescerà fino a un terzo della popolazione mondiale (2,6 miliardi) e nel 2050 ci saranno 4,8 miliardi di miopi (circa la metà della popolazione mondiale).

Quali sono le cause?

Le cause della miopia sono sia genetiche che ambientali. Pare che la maggiore urbanizzazione e l’incremento di attività a distanza ravvicinata, ad es. la lettura e il lavoro al computer, siano tra le principali cause di aumento dell’incidenza della miopia.

Cosa rischia un soggetto miope?

Oltre le 5 diottrie la miopia viene considerata elevata. In caso di miopia elevata il rischio di patologie gravi che possono condurre alla cecità aumenta in maniera esponenziale.

Per fare un esempio, un miope di 5 diottrie, secondo gli studi, ha un rischio 3 volte maggiore rispetto ad un soggetto emmetrope (che non ha bisogno di alcuna correzione per vedere bene) di contrarre una cataratta, 9 volte maggiore per un distacco di retina e 41 volte maggiore di vedersi diagnosticata una degenerazione maculare miopica. Alcune di queste patologie possono portare ad una cecità permanente.

Obiettivo: fare in modo che un occhio miope non superi determinate soglie di rischio.

Per questo sono state studiate tecniche per controllare la rapidità della progressione della miopia, in modo tale da contenere il livello di miopia al di sotto dei limiti potenzialmente pericolosi per la salute dell’occhio. Le tecniche sono molteplici e la maggior parte riguardano semplicemente l’attenzione al dispositivo correttivo utilizzato durante la crescita.

Per maggiori informazioni in merito alle tecniche di controllo della progressione miopica puoi scriverci qui.

0

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carrello

loader
Apri Whatsapp
1
Servizio Clienti tramite Whatsapp
Salve, possiamo aiutarti?